Tag: IVASS

MasterClass “Governare la POG”: i presidi operativi degli intermediari assicurativi

Sei un Intermediario iscritto nella Sezione A – B – F del RUI?

Dal 16 giugno partecipa alla MasterClass “Governare la POG“, una formazione operativa finalizzata ad un’efficace implementazione dei presidi operativi della POG richiesti dal Reg. IVASS 45/2020 e dal Reg. UE 2358/2017.

 

Cos’è e come si svolge?

La MasterClass si svolgerà in modalità webinar e sarà condotta da Guido Cappa, Founder e Managing partner di InLife Advisory. Le lezioni si pongono i seguenti obiettivi operativi:

  • Padroneggiare le Norme che gli Intermediari sono tenuti ad applicare
  • Saper definire il Target market effettivo e la strategia distributiva di un nuovo prodotto
  • Saper gestire i flussi informativi da e verso le Compagnie
  • Governare la POG nei rapporti di collaborazione
  • Saper monitorare il prodotto e la distribuzione
  • Redigere la policy dei «meccanismi distributivi» e i protocolli operativi
  • Sapersi dotare di un «cruscotto di controllo» POG efficace
  • Prevedere e ridurre i rischi di non conformità rilevabili dai controlli IVASS

I soggetti iscritti alla Sezione E del RUI devono dotarsi di un domicilio digitale?

Ecco i chiarimenti dell’Ivass alla luce della legge 120/2020.

I soggetti iscritti nella sezione E del Rui sono tenuti a dotarsi di un domicilio digitale? Nei giorni scorsi l’Ivass ha chiarito questo aspetto anche alla luce di quanto contenuto nell’articolo 37 del D.L. 76/2020 (“Decreto Semplificazioni”), convertito con modificazioni dalla legge 120/2020.

L’articolo in questione fa riferimento al fatto che il possesso di un domicilio digitale funzionante è richiesto obbligatoriamente per lo svolgimento di qualsiasi attività di impresa e per l’iscrizione nel relativo Registro.

Continua a leggere…

Ivass: in pubblica consultazione il regolamento che disciplina i procedimenti per l’adozione di atti regolamentari e generali dell’IVASS

L’Ivass ha posto in pubblica consultazione lo schema di Regolamento 6/2022 in materia di procedimenti per l’adozione di atti regolamentari e generali di competenza dell’Ivass, di cui all’articolo 23 della Legge 28 dicembre 2005, n. 262.

Con tale schema di Regolamento si vuole disciplinare i profili procedurali cui l’Ivass deve conformarsi nella produzione degli atti di natura normativa e di contenuto generale, in attuazione delle previsioni di cui all’articolo 23 della Legge 28 dicembre 2005, n. 262.

Continua a leggere…

Ti sei adeguato alle nuove disposizioni IVASS su commissioni e incentivi relativi ai prodotti IBIPs?

A far data dal 31 marzo 2022 diventa necessario adeguarsi alle nuove disposizioni IVASS sul tema commissioni ed incentivi percepiti sui prodotti di investimento assicurativo (IBIPs).

È importante ribadire che per essere conformi alla nuova normativa occorre implementare nuovi presidi aggiuntivi a quelli in uso di seguito evidenziati:

  • Fornire al cliente un servizio a valore aggiunto nella fase di vendita e in quella di post vendita (per esempio offrendo un servizio di valutazione periodica di adeguatezza)
  • Tenere un Registro degli incentivi ricevuti su ciascun nuovo contratto emesso a partire dal 31/3/2022 e descrivere il modo in cui essi migliorano la qualità dell’attività di distribuzione
  • Adeguare l’Allegato 4-bis secondo le disposizioni previste dalla norma

 

Non sai come attivare questi presidi operativamente? Ci pensiamo noi!

 

Ti possiamo fornire strumenti operativi configurabili come servizio a valore aggiunto per il cliente sia in fase di prevendita che di post vendita e ti diamo assistenza sulla tenuta e sui contenuti della documentazione da predisporre, anche in relazione alle comunicazioni sul tema che riceverai dalle Compagnie mandanti.

 

Vuoi avere maggiori informazioni?

 

Prenota un incontro gratuito con noi e risponderemo a tutti i tuoi dubbi sull’argomento!

IVASS: Documento di discussione per futuri interventi regolamentari in materia di prodotti vita

Ivass ha pubblicato, l’11 marzo scorso, un Documento di discussione (N.1/2022) contenente considerazioni per futuri interventi regolamentari in materia di prodotti vita.

L’istituto, si segnala nel Documento, sta conducendo riflessioni in merito all’adozione di interventi regolamentari che innovino la disciplina relativa ai prodotti vita e, in tale prospettiva, intende acquisire osservazioni e contributi utili a orientare la propria futura azione di intervento.

Sulla base di tali premesse, Ivass richiama l’attenzione del mercato e di tutti gli altri stakeholder sull’importanza dell’elaborazione di proposte di intervento regolamentare ritenute necessarie per lo sviluppo di nuovi prodotti vita, anche sulla base delle esperienze di altri mercati europei, percorribili nell’ambito del quadro normativo primario.

Continua a leggere…

IVASS: in pubblica consultazione Regolamento sulle attività di mystery shopping

In pubblica consultazione lo Schema di Regolamento IVASS recante disposizioni in materia di attività di mystery shopping di cui all’articolo 144-bis del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (Codice del consumo)

IVASS ha sottoposto alla consultazione lo schema di Regolamento disciplinante le attività di mystery shopping, volte alla protezione dei consumatori. In particolare, sono regolate le modalità per lo svolgimento delle attività di indagine di mystery shopping, nonché i requisiti e i compiti dei soggetti esterni all’Istituto cui sia conferito l’incarico per l’esecuzione di tali attività.

Con il Regolamento (UE) 2017/ 2394 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2017 (c.d. Regolamento CPC), è stata disciplinata la cooperazione tra le autorità nazionali responsabili dell’esecuzione della normativa a tutela dei consumatori. Il Regolamento CPC stabilisce, in particolare, le condizioni in base alle quali le autorità competenti, designate dai relativi Stati membri quali autorità responsabili dell’esecuzione delle norme dell’Unione Europea sulla tutela degli interessi dei consumatori, collaborano e coordinano azioni fra loro e con la Commissione Europea, al fine di garantire il rispetto delle summenzionate norme a protezione del consumatore, il buon funzionamento del mercato interno, nonché la tutela degli interessi economici dei consumatori. Tra i poteri di cui dispongono le autorità nazionali competenti, il Regolamento CPC individua, all’articolo 9, paragrafo 3, specifici poteri di indagine, tra cui, il potere di acquistare beni o servizi effettuando acquisti campione – ove necessario in forma anonima – al fine di individuare infrazioni di cui al suddetto Regolamento (c.d. potere di mystery shopping).

Continua a leggere…

In pubblica consultazione Regolamento sui prodotti linked

In pubblica consultazione Schema di Regolamento IVASS recante disposizioni in materia di contratti di assicurazione linked di cui all’articolo 41, commi 1 e 2 CAP.

IVASS ha posto in pubblica consultazione lo schema di Regolamento disciplinante le disposizioni in materia di contratti di assicurazione linked, le cui prestazioni sono direttamente collegate al valore di attivi contenuti in un fondo interno detenuto dall’impresa di assicurazione o di quote di un organismo di investimento collettivo del risparmio (OICR) oppure a un indice azionario o a un altro valore di riferimento diverso da quelli precedentemente menzionati.

La regolamentazione del comparto assicurativo in materia di attivi a cui possono essere collegate le prestazioni di tali categorie di contratti, in cui il rischio è a carico dell’assicurato, risale infatti al 20021 per le polizze unit linked (con l’aggiornamento operato nel 2005) e al 2009 per le polizze index linked.

Continua a leggere…

La perdita del “requisito di professionalità”

Succede sempre a fine anno, negli ultimi giorni di dicembre, che alcuni intermediari mi pongano lo stesso quesito: un mio collaboratore non ha terminato le 30 ore annuali di aggiornamento professionale, come o cosa posso fare?

Per rispondere a questa domanda è necessario esaminare la normativa vigente. Cerco di farlo senza tecnicismi, in modo molto semplice, prendendo in considerazione anche le indicazioni che l’Ivass nel tempo ha fornito rispondendo a diversi quesiti che sono stati posti da associazioni ed imprese.

La professionalità è uno dei tre requisiti più importanti richiesti per poter accedere al Registro e poter esercitare l’attività di intermediazione assicurativa o per poter fare – senza iscrizione al Rui – distribuzione assicurativa all’interno dei locali di un intermediario di primo e di secondo livello (sezione A, B, D, E, F).

Continua a leggere…

Preventivatore RCA: ANAPA dice no all’obbligo per gli intermediari

Secondo l’associazione degli agenti assicurativi gli obblighi informativi a carico degli intermediari disposti dall’art. 132 bis del C.A.P. potrebbero essere adempiuti attraverso l’inserimento nell’informativa precontrattuale dell’esistenza del PreventIvass che, se utilizzato direttamente dal cliente, mostrerà i premi assicurativi di tutte le Compagnie operanti sul mercato.

ANAPA Rete ImpresAgenzia, dopo la presentazione dello scorso 13 gennaio in cui l’Ivass ha illustrato alle associazioni degli intermediari i contenuti del regolamento attuativo di prossima emanazione sul Nuovo Preventivatore Pubblico online, si è rivolta al MISE per chiedere l’esonero dall’obbligo per gli intermediari di esibire il preventivo Rc Auto standard di ogni singola impresa di cui abbiano il mandato, a ogni cliente in occasione di rinnovo o stipula di un nuovo contratto.

Visto che il Nuovo Preventivatore R.C. Auto è a esclusivo beneficio del consumatore, questi se opportunamente avvisato attraverso l’inserimento nell’informativa precontrattuale della sua esistenza, potrebbe, infatti, in piena autonomia e libertà confrontare i contratti assicurativi proposti da tutte le imprese operanti sul mercato e non solo su quelle collocate dal singolo intermediario.

Continua a leggere…

IVASS: Indetta la prova di idoneità per l’iscrizioni nelle Sezioni A e B del RUI

L’apertura della fase di iscrizione è stata fissata al 1° febbraio prossimo. Confermato il pagamento di un contributo di 70 euro.

L’IVASS ha indetto (attraverso il provvedimento n.116 del 15 dicembre 2021) la prova di idoneità per l’iscrizione nel RUI, anche a titolo accessorio, sessione 2021 (sezioni A e B).

I candidati potranno presentare la domanda di ammissione esclusivamente in via telematica, a partire dalle ore 12 del 1° febbraio 2022 ed entro il termine delle ore 12 del 3 marzo 2022, utilizzando l’applicazione informatica accessibile all’indirizzo www.ivass.it. Non sono ammesse altre forme di produzione o di invio delle domande di partecipazione alla prova di idoneità.

Continua a leggere…

Apri la chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao, come possiamo aiutarti?